La crème brûlée è uno dei dessert più popolari. Una dolce di morbida crema che ricorda il sapore e la fragranza semplice di casa. Rogorosamente bello croccante all’esterno,dev’essere morbido e cremoso all’interno.

 

images.jpg

 

 

Ingredienti (4 porzioni)

 

  • 150 g di crema
  • 150 ml di latte
  • 100 caffè macinato fresco
  • 50 g zucchero
  • 2 uova
  • 2 tuorli
  • 1 cucchiaio da dessert di burro
  • 4 cucchiaio da dessert di zucchero di canna
  • 2 cucchiaio da dessert di espresso in polvere

Come si fa

  1. Mescolare la crema, il latte, il caffè e lo zucchero e portarli a ebollizione.
  2. Consentire al composto di raffreddare un po’.
  3. Sbattere le uova e i tuorli e mescolarli con il composto.
  4. Preriscaldare il forno a 180° C.
  5. Ungere quattro contenitori da forno o tazze da caffè (capacità min. 125 ml) e versarvi il composto.
  6. Cuocere a bagno maria nel forno caldo per 30-35 minuti.
  7. Estrarre dal forno i contenitori o le tazze e lasciarle raffreddare un po’, quindi metterli in forno per 2 ore.
  8. Dopo, cospargere di zucchero di canna sopra ogni contenitore o tazza e caramellare con il grill o con fiamma ossidrica da chef.
  9. Spargere un po’ di espresso in polvere sullo zucchero caldo e servire immediatamente.

Com’è facile fare questo liquore al cacao.E com’è buonooooooooo

 

liquore_cioccolato_.jpg

 

 

Ingredienti:

  • 750 ml di latte;
  • 600 gr di zucchero semolota;
  • 150 gr di cioccolato fondente;
  • 150 gr di alcool puro a 95°.

Procedimento:

  1. In una pentola mettere a bollire il latte,lo zucchero e il cioccolato a scaglie.
  2. Una volta che il cioccolato si sarà sciolto spegnere e lasciar raffreddare per 1 ora.
  3. Passato questo tempo,si sarà creato una pellicola
  4. “a questo punto – a)potete toglierla con un cucchiaio; – b)lasciarla; il risultato sarà un liquore più cremoso.
  5. Dopo di che aggiungere l’alcool mescolare e travasare nelle bottiglie.
  6. Si può consumare subito.

Questo dolce è una goduria di sapore, una delizia del palato, un sollazzo per gli occhi

Kirschkuchen (Torta di ciliegie)

 

  • 500 Gr. Pasta Frolla
  • 460 Gr. Composta Di Ciliegie
  • 12 Centilitri Kirsch
  • 1 Cucch. Zucchero
  • 1/2 Bastoncino Cannella
  • 1 Cucchiaiino Fecola Di Patate
  • ciliegie candite o Zucchero A Velo Per Guarnire

Per La Crema Di Ricotta:

  • 4 Tuorli D’uovo
  • 200 Gr. Zucchero
  • 1/2 Limone (scorza Grattugiata)
  • 1 Pizzico Sale
  • 25 Centilitri Latte
  • 7 Fogli Colla Di Pesce
  • 500 Gr. Ricotta
  • 50 Centilitri Panna

Istruzioni

  1. Dividete la pasta frolla in due parti uguali, stendete ciascuna di esse in una sfoglia spessa 1/2 cm e ricavate da ognuna un disco di 26 cm di diametro.
  2. Cuocete i dischi nel forno, sulla piastra imburrata e infarinata, a 200 gradi per ca. 30 minuti.
  3. Preparate la crema: in una casseruola amalgamate i tuorli, lo zucchero, la scorza di limone, il sale e il latte, mescolando energicamente con un cucch. di legno.
  4. Trasferite la casseruola sul fuoco e fate cuocere la crema per 6-8 minuti, a fuoco basso e mescolando continuamente, senza far prendere il bollore.
  5. Togliete la crema dal fuoco e, mentre è ancora calda, scioglietevi la colla di pesce, prec. ammorbidita in acqua fredda e strizzata.
  6. Passate la ricotta al setaccio, raccoglietela in un calderotto di rame e incorporatevi la crema, fredda, mescolando senza interruzione con una frusta.
  7. Continuate a mescolare fino a quando otterrete un composto perfettamente omogeneo e senza grumi.
  8. Infine, incorporatevi la panna montata.
  9. Mettete un anello per torte intorno a uno dei due dischi di pasta frolla, distribuite su questo la composta di ciliegie e copritela con la crema di ricotta.
  10. Lisciate la superficie con una spatola, poi fate raffreddare il dolce nel frigorifero.
  11. Quando la crema si è rassodata, eliminate l’anello e coprite la torta con il secondo disco di pasta frolla.
  12. Cospargete con ciliegie candite ( o sciroppate come nella foto) oppure semplice zucchero a velo e servite.

 

 

 

 

foto_torta_girasoli.jpg
una splendida torta di alta pasticceria per salutare l’estate

 

 

In Inghilterra e in Svezia, la torta di rabarbaro è un dolce tra i più popolari, questo perché in quelle regioni, la pianta di rabarbaro è comunemente coltivata.

Vi propongo una delle tante ricette per la preparazione di questo tipico dolce del nord Europa; tra l’altro neppure troppo calorico.

 

images.jpg

Cosa serve

  • 100gr. di burro
  • 100 gr.zucchero bianco+ 50 gr. zucchero di canna –
  • 1 b. di zucchero vanigliato –
  • 250 gr. di yogurt naturale –
  • 600/700 gr. di rabarbaro
  • 1 uovo –
  • 150 gr. di farina bianca –
  • 60 gr. di farina di farro chiaro –
  • sale –
  • 1c.c di bicarbonato –
  • 1/2 b. lievito –
  • 50 gr. di miele –
  • 2 C. nocciole macinate –
  • zucchero a granelli q.b –
  • 1c.c di cannella.

 

Come si fa

  1. Montare a spuma il burro con lo zucchero e l’uovo; unite lo yogourt e lo zucchero vanigliato e continuare a mescolare
  2. Unite alla farinadi farro,il rabarbaro lavato, tolto i fili duri, tagliato a pezzettini ( meglio cuocerlo un pochino a parte prima in una casseruola senza aggiungere acqua o grassi vari, per circa 10 minuti) le noci, il sale, il bicarbonato, la cannella,il miele e per ultimo il lievito setacciato
  3. Versate l’impasto in una forma da cake e infornate a 190°.(forno preriscaldato)
  4. La cottura è piuttosto lunga dai 45 /60 min.
  5. Controllate spesso con uno stecchino, se esce troppo bagnato, la torta non è cotta.
  6. Lasciate raffreddare la torta prima di sformare.

 

Un ottimo digestivo dal buonissimo sapore il liquore di liquirizia. Scoprite quanto è facile da  realizzare 🙂

 

ciambellaliquirizia.jpg

Cosa serve

  • 2 confezioni di liquerizia pura ( tipo saila)
  • 1 litro di acqua
  • 600 gr zucchero
  • 400 gra di alcool a 95°
  • 3 stecche di liquirizia radice

Come si fa

Sciogliere le caramelline di liquerizia con lo zucchero e l’acqua calda, poi lasciar raffreddare.

Tuffare i bastoncini di radice di liquirizia dentro la bottiglia nella quale abbiamo travasato il liquido raffreddato.

Aggiungere l’acool e conservare in frigo.

Si consuma dopo 1 mese.

Si tratta di una torta con patata americane assolutamente insolita e molto speziata, con un’incredibile pasta frolla alla violetta.

2528001959_2966227f90.jpg

 

Ingredienti:

  • -per la frolla: 300 g farina
  • mezzo panetto di burro  (con la margarina risulta più soffice)
  • 80 g zucchero di canna
  • mezza bustina di lievito
  • un pizzico di sale
  • tè alla violetta in foglie
  • -per il ripieno: 500 g patate americane lessate
  • 250 ml latte di soia
  • 60 g zucchero di canna
  • 3 cucchiai maizena
  • 3 cucchiai olio di semi
  • un pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino noce moscata
  • 1/2 c. zenzero in polvere
  • 1/2 c. cannella
  • 1/2 c. chiodi di garofano tritati

 

Procedimento:

Per la frolla: preparare mezzo bicchiere di tè alla violetta molto concentrato (più è forte migliore sarà il sapore della torta). Impastare farina, zucchero, un cucchiaino di tè in foglie, sale e burro in una terrina, aggiungere poi il tè (meglio se tiepido) necessario a raggiungere la consistenza voluta (circa mezzo bicchiere, appunto), e per finire la busta di lievito. Avvolgere la palla nella pellicola e mettere in frigo a riposare almeno mezzora.

Per il ripieno: frullare tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema liscia.

Stendere la frolla in uno stampo per crostate, bucherellarla e poi versare la crema di patate. Cuocere in forno a 180-200° per 50-60 minuti.

Straordinario l’abbinamento con del tè alla violetta o alla rosa.

L’autunno è arrivato e con lui anche le buonissime castagne. Quale migliore confettura da preparare se non una marmellata di castagne?

 

012.jpg

 

Ingredienti


  • 3 kg di castagne
  • 1,5 kg di zucchero
  • scorza di limone
  • sale grosso –
  • 1 bicchierino di rum.
  • 2 bastoncini di vaniglia

Preparazione

  1. Sbucciate le castagne.
  2. Fatele cuocere per circa mezz’ora in abbondante acqua salata.
  3. Scolatele ed eliminate la pellicina eventualmente attaccata.
  4. Schiacciatele un po’con una forchetta.
  5. Rimettete le castagne nella pentola con lo zucchero, la scorza di limone e la vaniglia
  6. Mescolate bene e rimettete sul fuoco.
  7. Fate cuocere, mescolando con un cucchiaio di legno, fino a quando la marmellata avrà raggiunto la giusta consistenza.
  8. Versate il rum, fate evaporare un po’ e poi spegnete.
  9. Invasate la marmellata ancora calda in barattoli sterilizzati, tappate e conservate.

Io adoro il cioccolato aromatizzato al peperoncino, sia in versione cioccolata calda sia in versione cioccolatino.

Se anche voi siete golosi quarto me, eccovi la ricetta.

 

peperoncino.jpg

 

 

  • 500 g di cioccolato fondente al 80%
  • 100 g di burro (meglio se di cacao)
  • 5 cucchiai di panna fresca
  • 1 spruzzata di cognac
  • poco peperoncino rosso da sminuzzare ( se è in polvere è meglio)

ps. Meglio non abusare del peperoncino, ne basta davvero poco per dare al cioccolato il caratteristico sapore piccante


Come si fa

  1. Spezzettare il cioccolato e scioglierlo a bagnomaria con la panna. Tagliare il burro a pezzetti ed unirlo al cioccolato bollente fino a formare un insieme ben amalgamato e liscio.
  2. Non fate cuocere! (non deve MAI entrare in ebollizione)
  3. Togliere dal fuoco.
  4. Aggiungete pochi pizzichi di peperoncino, se è fresco, tagliatelo a striscioline sottilissime
  5. Unite il cognac al composto di cioccolato e peperoncino, panna e burro
  6. Versate il tutto in un piccolo stampo alto poco più di 1 cm foderato con carta da forno – meglio una teglia antiaderente- (dovrete cmq ottenere uno spessore molto basso, tipo tavoletta di cioccolato) e lasciate raffreddare.
  7. Quando il composto freddo, capovolgetelo su di un tagliere e tagliatelo a quadrettoni  della misura che preferite.
  8. Avvolgeteli nella carta stagnola.

 

Il vostro cioccolato al peperoncino è pronto

E’ tempo d’autunno, di funghi, di castagne e di…marroni. La preparazione di questi marrons glaces è facile ma un po’ lunga, ma se avete la pazienza di eseguire la ricetta passo passo, otterrete dei marroni profumatissimi dal cuore fondente, come non li avete mai assaggiati.

Provare per credere!!!!

 

a.jpg

 

Cosa serve

  • 1 kg di marroni belli grossi
  • 600 gr di zucchero
  • 1 stecca di vaniglia

Come si fa

  1. Lavate i marroni e praticate un taglio a croce sui due lati
  2. Il taglio deve intaccare, oltre alla buccia, anche la pellicina sottostante affinchè risulti più agevole sbucciarli
  3. Lessate i marroni per 1 minuto quindi sbucciateli.
  4. Ricordate che per spellarli facilmente devono essere caldi, quindi conviene scottarne pochi per volta e sbucciarli non appena si riesce a tenerli in mano.
  5. Se la pellicina interna non viene via, rituffate il marrone per qualche secondo in nuova acqua bollente. Non l’acqua dove li avete lessati, perché l’acqua si sarà tinta del tannino delle bucce e colorerebbe anche i frutti.
  6. Racchiudete i marroni pelati in sacchetti di garza spessa, stipandoli bene senza lasciare spazio tra uno e altro: non si devono muovere in cottura, altrimenti si rompono
  7. Mettete sul fuoco una casseruola alta con circa litri 1,5 di acqua
  8. Unite g 500 di zucchero semolato e portate a bollore
  9. Immergete i marroni nel sacchetto di garza  (lo sciroppo dovrà coprire i marroni).
  10. Fate bollire per 1′ e mezzo con mezzo baccello di vaniglia, quindi spegnete il fuoco.
  11. Aggiungete allo sciroppo rimasto g 100 circa di zucchero semolato, fate bollire per 2′ e spegnete il fuoco.
  12. Immergetevi di nuovo i marroni, coperchiateli e lasciateli riposare per 3 giorni.
  13. Trascorso questo tempo sgocciolateli e ripetete l’operazione per altre 2 volte, aggiungendo ogni volta g 100 di zucchero semolato nello sciroppo.
  14. In tutto, i marroni dovranno stare a bagno nello sciroppo per 9 giorni.
  15. Al termine sgocciolateli e liberateli dai sacchetti.
  16. Metteteli su una gratella e glassateli con un composto fluido, ottenuto diluendo con un po’ di acqua lo zucchero a velo.
  17. Alla fine passateli ad asciugare in forno a temperatura massima per 1′.